Musei in dialogo
Corso di formazione per l’educazione al patrimonio culturale

 

Dopo il successo degli scorsi mesi, torna Musei in dialogo, il corso per insegnanti ed educatori museali ideato e svolto dai dipartimenti educativi dell’Accademia Carrara di Bergamo e del Museo Popoli e Culture di Milano.
Il corso si sviluppa in tre incontri gratuiti e ogni appuntamento mette in dialogo due diverse opere, una dell’Accademia Carrara e una del Museo Popoli e Culture, suggerendo connessioni inaspettate e punti di vista inediti. Questa nuova edizione può contare sulla presenza di una terza voce: la Rete degli Orti Botanici della Lombardia, che arricchirà l’ultimo incontro con uno sguardo alle scienze della natura e al patrimonio vegetale.

Gli incontri si svolgono on line e durano due ore; prevedono una parte teorica e un momento pratico; il corso si conclude con la progettazione di un’attività (autonoma e facoltativa).

L’obiettivo è fornire esempi concreti e pratici agli insegnanti e agli educatori che desiderano sperimentare le potenzialità educative del Patrimonio. Dipinti, sculture, oggetti sono proposti come dispositivi vivi, in grado di connettersi con le esigenze dell’insegnamento e della mediazione, con temi attuali, con i vissuti di studenti e studentesse. Ogni appuntamento del corso corrisponde ad un argomento o insegnamento:

  • Culture e tradizioni
  • Educazione civica
  • Natura e sostenibilità ambientale

 

L’approccio privilegiato è interculturale e interdisciplinare: insieme alla presentazione delle caratteristiche formali e storico-artistiche, la lettura delle opere mette in evidenza i punti di contatto tra il patrimonio culturale e contemporaneità, offrendo spunti per costruire la relazione tra i saperi e il loro uso sociale.

L’intento di Musei in dialogo è quello di mettere i musei a disposizione della scuola, il patrimonio culturale a servizio dell’educazione, in una sinergia comune indirizzata al benessere e alla crescita della comunità.

 

Il corso è condotto da Lucia Cecio, Storica dell’arte e Responsabile dei servizi educativi dell’Accademia Carrara, e da Paola Rampoldi, Museologa e Curatrice del Museo Popoli e Culture. Il terzo appuntamento vede la partecipazione di Patrizia Berera, Architetta e Coordinatrice dei progetti della Rete degli Orti Botanici della Lombardia.

 

È previsto inoltre un incontro pubblico online di presentazione del corso della durata di un’ora circa che si terrà venerdì 22 ottobre alle ore 11.00.

Il corso è realizzato in partenariato con ANISA per l’Educazione all’arte – Associazione Nazionale Insegnanti di Storia dell’Arte, Sezione di Milano (Ente qualificato per la formazione presso MIUR Direttiva 170/2016). Per i docenti in servizio la partecipazione costituisce titolo ai fini della formazione.

 

 

PROGRAMMA:

  • 5 novembre dalle ore 15.00 alle 17.00
    Culture e tradizioni
    Opere di riferimento:
    Pittore veneto, Ritratto di un Nicolotto, 1770 circa – Accademia Carrara
    Ningyou, bambole raffiguranti scene del teatro kabuki, Sec. XX, Giappone – Museo Popoli e Culture PIME

 

  • 12 novembre dalle ore 15.00 alle 17.00
    Educazione civica
    Opere di riferimento:
    Abbigliamento Karenni, sec XX, Myanmar – Museo Popoli e Culture PIME
    Randolph Rogers, Giovane cacciatore indiano e Giovane pescatrice indiana, 1866 – Accademia Carrara

 

  • 19 novembre dalle ore 15.00 alle 17.00
    Natura e sostenibilità ambientale
    Opere di riferimento:
    Bottega Fantoni, opere sacre e profane dalle collezioni dell’Accademia Carrara – Accademia Carrara
    Chocalho (sonagliera) per danza della tucandeira, sec XX, Brasile – Museo Popoli e Culture PIME
    L’incontro – a tre voci- vede la partecipazione di Patrizia Berera, Architetta e Coordinatrice dei progetti della Rete degli Orti Botanici della Lombardia.

 

Musei in dialogo non è solo un corso per insegnanti, ma anche una proposta educativo-didattica per le scuole primaria e secondaria di primo e secondo grado; infatti, per tutto l’anno scolastico è possibile prenotare attraverso i contatti dei Musei una visita (on line o in presenza) scegliendo il tema preferito.

Grazie alla conduzione di educatori esperti, la classe scopre un intreccio di narrazioni delle due collezioni che collegano vissuti e vicende apparentemente lontani, offrendo nuovi punti di vista per la conoscenza e l’interpretazione del patrimonio in chiave interculturale.

Inoltre, i musei forniranno agli insegnanti che aderiscono alla proposta delle schede didattiche con approfondimenti sui contenuti degli incontri e suggerimenti di attività per proseguire il lavoro in classe.

Per partecipare
Le iscrizioni avvengono esclusivamente tramite compilazione del form presente al seguente link.
Per gli insegnanti che intendono acquisire titoli formativi è obbligatoria l’iscrizione anche su piattaforma S.O.F.I.A., codice corso 63876.