Il lino è arte

Capolavori della pittura, dall’Accademia Carrara al Sentierone

 

Celebri artisti di tutti i tempi hanno immortalato volti, abiti eleganti, ambienti e paesaggi trasferendo la loro arte anche su tele di lino.

In collaborazione con il Linificio e Canapificio Nazionale e Il Cavalliere Giallo, dal 1 al 30 giugno, una selezione di opere presenti nelle collezioni della Pinacoteca, riprodotte su tele di lino, saranno oggetto dell’esposizione “Il lino è arte”. Una galleria di capolavori che dal 1 di Luglio al 30 Settembre si trasferisce a Valmarina nella sede del Parco dei Colli.


 

Il progetto:

Il lino si racconta. Nell’arte, nella danza, nella musica.

Dal seme al tessuto, è un’esperienza davvero speciale quella che scorre nelle fibre del lino coltivato dal Linificio e Canapificio Nazionale ad Astino. La poesia della fioritura che la mattina tinge i
campi bergamaschi di azzurro, si trasforma in materia nei processi di filatura, tintura e tessitura con i quali il Linificio e Canapificio Nazionale, Dyeberg, Gruppo Albini e Martinelli Ginetto, eccellenze bergamasche della filiera liniera nel mondo, trasformano il lino seguendo i più elevati criteri di innovazione e sostenibilità.
Questo racconto si trasforma in un viaggio, da Astino al centro di Bergamo, e diventa omaggio alla bellezza e all’arte attraverso una serie di eventi realizzati nel centro cittadino per donare al territorio l’emozione di una storia che celebra natura e progresso, tradizione e innovazione tecnologia, ricerca e sostenibilità: la coltivazione e
trasformazione del lino a Km Zero. Un percorso narrativo che, grazie a Il Cavaliere Giallo, ha coinvolto istituzioni culturali, operatori del territorio, associazioni e partner internazionali in un affascinante intreccio che racconta il lino con i linguaggi dell’arte visiva, musicale e performativa.

Dall’1 al 30 giugno 2019

presso il Sentierone e Quadriportico di Bergamo