Save the last dance for me
di Alessandro Sciarroni, con Gianmaria Borzillo e Giovanfrancesco Giannini

Durata 20’

 

Save the last dance for me è l’ultima produzione di Alessandro Sciarroni, Leone d’Oro alla carriera per la Danza alla Biennale di Venezia 2019. Nel dicembre 2018 il coreografo scopre la Polka Chinata, ballo di coppia bolognese dei primi del Novecento che sembrava destinato a scomparire dalla memoria popolare. Decide quindi di avviare un progetto di recupero di questa danza, per ridarle vita e trasmetterla tramite una serie di workshop e la creazione di una performance. Un viaggio vorticoso sulla trasmissione della memoria, sul confine tra tradizione e contemporaneo. Una danza sulla vertigine dell’abbraccio.

 

save the last dance for me – trailer from alessandro sciarroni on Vimeo.

 

Una collaborazione tra Associazione Immaginare Orlando, Accademia Carrara, Festival Danza Estate

 

 

Credits

invenzione Alessandro Sciarroni

con Gianmaria Borzillo e Giovanfrancesco Giannini

collaborazione artistica Giancarlo Stagni

musica Aurora Bauzà e Pere Jou (Telemann Rec.)

abiti Ettore Lombardi

direzione tecnica Valeria Foti

promozione, consiglio, sviluppo Lisa Gilardino

amministrazione, produzione esecutiva Chiara Fava

comunicazione Damien Modolo

produzione corpoceleste_C.C.00#, MARCHE TEATRO Teatro di Rilevante Interesse Culturale coproduzione, Santarcangelo Festival, B.Motion, Festival Danza Urbana

 

 

Alessandro Sciarroni è un artista italiano attivo nell’ambito delle Performing Arts con alle spalle diversi anni di formazione nel campo delle arti visive e di ricerca teatrale. I suoi lavori vengono presentati in festival di danza e teatro contemporanei, musei e gallerie d’arte, così come in spazi non convenzionali rispetto ai tradizionali luoghi di fruizione e prevedono il coinvolgimento di professionisti provenienti da diverse discipline. Tra i vari riconoscimenti, gli viene assegnato nel 2019 il Leone d’Oro alla carriera per la Danza.

Il suo lavoro oltrepassa le tradizionali definizioni di genere. Parte da un’impostazione concettuale di matrice duchampiana, fa ricorso ad un impianto teatrale, e può utilizzare alcune tecniche e pratiche derivanti della danza, e da altre discipline come il circo e lo sport. Oltre al rigore, alla coerenza e alla nitidezza di ogni creazione, i suoi lavori tentano di disvelare, attraverso la ripetizione di una pratica fino ai limiti della resistenza fisica degli interpreti, le ossessioni, le paure e la fragilità dell’atto performativo, alla ricerca di una dimensione temporale altra, e di una relazione empatica tra spettatori e interpreti.

PERFORMANCE

Mercoledì 5 agosto ore 18.30 e 20.30

 

Giovedì 6 agosto ore 19.00 e 21.00

Accademia Carrara, Bergamo

 

INFO

Costo 10€ intero – 8€ ridotto – 5€ soci/e Immaginare Orlando e Dance Card

è fortemente raccomandato l’acquisto in prevendita attraverso queste due modalità: online sul sito oppure presso  23/C Art – Via Don Luigi Palazzolo 23/C, Bergamo dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00. Nei giorni di spettacolo è comunque possibile acquistare i biglietti (se ancora disponibili) direttamente in loco un’ora e mezza prima dell’inizio.