Un nuovo Mantegna.
La Resurrezione.

La Resurrezione, un dipinto su tavola di 48,5 x 37,5 centimetri, acquistata nel 1846 da Guglielmo Lochis come di Mantegna, era poi stata declassata a lavoro di bottega. È in realtà un’opera di notevole qualità, parte superiore della nota Discesa al limbo, già nella collezione di Barbara Piasecka Johnson e dal 2003 in un’ignota collezione privata. Grazie alla coincidenza perfetta della piccola croce dipinta in oro, che nella Resurrezione sta lungo il margine inferiore, con la punta dell’asta che Cristo tiene nella Discesa al limbo, come anche all’unione delle rocce che formano l’arco centrale, è ragionevolmente certo che le due tavole fossero in origine un unico pannello, anta di un polittico.

 

Una nuova vita al dipinto.
Il restauro.

L’intervento di restauro mira al recupero della piena leggibilità del dipinto, alterato da ritocchi e vernici ossidate e ingiallite, acquisendo con l’occasione una nuova e, quanto più possibile, completa conoscenza della sua storia tecnica e conservativa. In seguito ad uno studio approfondito della tecnica pittorica utilizzata dall’artista nelle opere eseguite su supporto ligneo e tessile, e alle informazioni fornite dalla comparazione di tutte le indagini conoscitive oggi disponibili si potrà procedere con le modalità appropriate alle graduali e controllate fasi di pulitura, all’integrazione della superficie cromatica e all’applicazione di un film protettivo finale.

 

Il restauro è stato preceduto da una serie di indagini scientifiche preliminari, in dialogo con professionisti e istituti specializzati. Le indagini radiologiche, ottiche e chimico-fisiche sono state svolte presso e grazie a Humanitas Gavazzeni, Università degli studi di Verona e in collaborazione con Università degli studi di Parma. Gli esami svolti sono stati: raggi X, TAC, infrarosso a diverse lunghezze d’onda, falso colore, macrofotografie, analisi spettrometriche per rilievo della composizione chimica dei colori, prelievi per stratigrafia, prelievi per gascromatografia. I risultati di queste analisi, in parte ancora in corso di esecuzione e di interpretazione, saranno poi messi al servizio del restauro.

 

 

Partecipa al restauro del Mantegna in Carrara.
Tutti i Mercoledì e Sabato assisti al lavoro della restauratrice

in diretta.