La galleria Manfrin a Venezia.
L’ultima collezione d’arte della Serenissima
di Linda Borean

Presentazione del volume a cura di  Giovanni Maria Fara con la partecipazione dell’autrice Linda Borean.

 

Girolamo Manfrin, arricchitosi con il monopolio della manifattura del tabacco e divenuto membro onorario dell’Accademia di Belle arti, riunì nel suo palazzo a Cannaregio l’ultima grande collezione d’arte della Serenissima, in cui si concretizzava una storia visiva della pittura, con particolare riguardo alla scuola veneziana dalle origini sino al Settecento, e che contemplava opere quali la Vecchia e la Tempesta di Giorgione. Sulla base dei documenti archivistici più rilevanti, qui integralmente trascritti, questa pubblicazione ripercorre le tappe salienti della formazione della raccolta, assemblata con la consulenza di esperti quali Pietro Edwards, allora presidente dell’Accademia, e soprattutto i momenti nodali della sua dispersione nel corso dell’Ottocento tra collezionisti privati e musei pubblici, fra cui la National Gallery di Londra e le Gallerie dell’Accademia di Venezia.

 

Linda Borean

Professore associato di Storia dell’arte moderna all’università di Udine, Senior Fellow al Metropolitan Museum di New York e Guest Scholar al Getty Museum di Los Angeles.

Le sue ricerche sono rivolte prevalentemente a temi e problemi di collezionismo e committenza a Venezia tra Seicento e Ottocento.

 

Giovanni Maria Fara

Professore associato di Storia dell’arte moderna presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Ha conseguito la laurea presso l’Università di Firenze, la specializzazione e il dottorato di ricerca presso l’Università di Siena. È stato Hanna Kiel Fellow 2010-2011 presso Villa I Tatti – The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies.

I suoi ambiti di ricerca riguardano: Albrecht Dürer artista e teorico dell’arte; la sua ricezione in Italia fra il Rinascimento e l’età barocca. La grafica e l’incisione italiana ed europea del Rinascimento. La letteratura artistica e scientifica fra XV e XVIII secolo in ambito italiano ed europeo. La storia del collezionismo in età moderna.

22 novembre 2019

ore 18.00

Sala 18      

 

partecipazione libera, fino ad esaurimento posti